Incitato, il cavallo di Caligola

Lei, professore,  in Caligola il sublime, ha parlato  brevemente dell’amore di Caligola per il circo e  per le corse,  e  ha  mostrato l’imperatore come tifoso della fazione dei Verdi- cfr Dione Cassio, St.Rom. LIX,14.6 – da lui  favorita rispetto alle altre dei Rossi, dei Bianchi e degli Azzurri! Perché non mi  parla  in modo diffuso  di Incitato (e dell’auriga Eutiche), così che posso leggere esattamente e comprendere finalmente  nel giusto significato le frasi dette da Svetonio e da Dione Cassio sul cavallo?

Marco, tu ti  riferisci  all’ enunciato  di Svetonio – Caligola, LV:
egli era solito chiamare i vicini obbligandoli al silenzio , con l’aiuto dei soldati, affinché  il suo cavallo Incitato  non fosse disturbato,  il giorno prima della corsa ed inoltre, avendogli  fatto costruire una scuderia d’avorio e una mangiatoia d’avorio, gli faceva dono di  gualdrappe di porpora e di finimenti con gemme, di una casa e di un gruppo di servi.

Specificamente,  però,  ti interessa la frase,  conclusiva, celebre  dello scrittore: consulatum  quoque traditur destinasse,  la cui  traduzione è questa:  si tramanda anche che aveva intenzione di elevarlo al consolato!

Per secoli l’enunciato  è stato letto non come un rumor/voce popolare, che riporta un detto ironico   e beffardo del  giovane imperatore, che deride i consoli clientes, eletti a suo arbitrio, intenzionato perfino a dare la carica consolare- massima aspirazione per un civis–  al suo amato cavallo, come dileggio di ogni carica repubblicana ormai tramontata!.

Caligola, avendo attuato la neoteropoiia/la rivoluzione istituzionale,  esige, come un sovrano orientale, la proskunesis/ adorazione da tutti -popolo, esercito, senatori- imposta  perfino ai Druidi e agli ebrei, avendo preparato  il suo colosso da porre dentro il Tempio di Gerusalemme,  minacciando che, in caso di  ribellione,  li avrebbe deportati cfr. Filone, Legatio ad Gaium!

Nel mondo romano dell’epoca (37- 41 d.C.)  esiste un solo pastore, un imperator autokratoor,  una  lex, un nomos empsuchos/ legge vivente, un essere divino, che ha  di fronte il gregge, in cui non ci sono distinzioni, perché tutti sono isonomoi /eguali,   essendo stato esautorato il senato, declassata Roma a favore di Alessandria, nuova caput mundi. 

In questa situazione e nuovo contesto sociale,  tra la massa di clientes, riverente davanti al  patronus – anonima plebs davanti all’unico basileus despoths  kurios- circola la frase, poi riportata da Svetonio, dopo decenni.

Dunque, professore, secondo lei,  è solo una chiacchiera popolare  circolante in un clima  di partenza di Caligola per Alessandria, che, essendo uomo meticoloso e precisissimo ha perfino fissato le tappe del suo tragitto via mare e la data del 25 gennaio del 41.

Credo che in questo contesto di preparativi possa  essere circolata la frase su Incitato console, un enunciato che, probabilmente, fa affrettare i congiurati  alla uccisione del sovrano.

D’altra  parte noi oggi sappiamo quanto possa valere un cavallo da corsa e tu meglio di me che, in altri tempi, frequentavi gli ippodromi, conoscevi cavalli, galoppatori come Ribot  o  trottatori come Varenne- che, finito il periodo delle corse, come stallone  veniva pagato, ad ogni monta, 15.000 Euro !- Certamente, non ti meravigli affatto delle attenzioni per un cavallo-campione,  avendo visto scuderie di grande valore, maestose,  e  conosciuto la cura e la dieta  straordinaria per gli animali, accuditi  da tanti inservienti!

Da questo lato,  neanche io, che ho tradotto Plutarco, – Alessandro ,6,1-6; 6,8; 44,2; 61,1- ed Arriano- Anabasi di Alessandro,V, 14,4; 19,4; 29,5-  mi sorprendo affatto  conoscendo l’amore di Alessandro per il suo cavallo, Bucefalo, avuto, a tredici anni,  dal padre Filippo, in regalo,  comprato alla cifra di 13 talenti :  è un’esagerazione, pagare  un animale circa 390.000 euro,  per una bestia che temeva la sua ombra, impossibile da cavalcare, sebbene poi cavalcata da lui solo,  per venti anni circa, fino alla morte dopo la battaglia dell’Idaspe, contro Poro- Cfr. Arriano, ibidem, V,19,5!-.

Perciò, si può dire che  non si trova niente di  speciale nel rilevare l’amore di un cavaliere  come Alessandro per Bucefalo, uno splendido stallone nero con un macchia bianca sulla testa, che si inginocchiava per fare  salire il re  e che, pur  ferito, non tollerava che un altro portasse  in groppa il suo unico padrone!

Alessandro per lui –  avrebbe sterminato tutti  i  componenti di una tribù barbarica di Uxii, che  aveva  catturato il suo cavallo, se  non  glielo avessero  immediatamente restituito! In onore di  lui, morto,  fondò città, chiamate  col suo nome!.

Perché, allora, si sono sprecate le  accuse  per Caligola, considerato pazzo -ingiustamente- non certo per il trattamento di riguardo per l’animale e neppure per l‘intenzione di farlo console?.

La colpa è della superficialità dei critici e degli storici, che non hanno saputo vagliare le fonti di epoca flavia, antonina e severiana, -le dinastie che si sono succedute, dopo  quella giulio -claudia, la cui nomenclatura,  divina, è stata utilizzata  da loro prima con Domiziano, poi con Commodo ed infine  da Caracalla  ed usurpata dalla Santa romana chiesa cattolica!-.

Ogni critico, prima di valutare,  dovrebbe porsi  il problema  di esaminare Caligola nel suo contesto, durante il regno suo e quello degli altri membri della sua domus, considerando l’anomalia della sua divinizzazione pianificata nel 40  d.C. come ektheosis, durante la vita,  distinguendola da quella, post mortem, per apotheosis!.

Essi dovrebbero  esaminare con cautela il tentativo denigratorio, maligno,  delle casate successive, fatto  col favore di letterati, prezzolati, compiacenti,  al fine di una propria legittimazione al potere  e di un proprio ruolo, dopo  quello  di una sovranità divina  della precedente dinastia.

Il  fallimento  di una politica di imitazione risulta deleterio  e per  gli intellettuali e  le nuove  domus imperiali, inadeguati come mezzi  per l’attuazione della divinizzazione: solo il clero cristiano  ha  avuto, grazie al tempo, fortuna con l’ektheosis del Christos!

Senza questa operazione non è possibile fare una valutazione oggettiva del principato di Caligola, estremamente danneggiato come memoria dai Flavi, cives sabini italici, prima, dagli Antonini  provinciali ispanici, poi,  ed infine dai Severi provinciali afri! Bisogna, perciò, Marco, tener presente, oltretutto, che  il soterismo di Vespasiano  viene esaltato dopo il fatale 69 e  che  il principato dell’ottimo  vale  in relazione al dispotismo sovrano  di Domiziano  e che il potere dei Severi si basa sull’ordine ripristinato dopo  il funesto 193 d.C., a seguito  della  morte di Commodo e di una crisi economica acuita dal perdurare di un peste iniziata nel 165, capace di mietere 20,000.000 di cives, un terzo della popolazione, nel corso di un ventennio e di una guerra civile, in una volontà di ripristino di  istituzioni come quella di Augusto, considerato da Dione Cassio l’unico  degno di imitazione.

Non per nulla in Storia romana (LII,1-4) è mostrato Ottaviano nel 29 a.C.- indeciso sulla forma da adottare, quasi desideroso di fare la restitutio rei publicae nelle mani del senato e di  deporre la tribunicia potestas e  l’imperium proconsulare maius–  che ascolta il dibattito di Marco Agrippa e di Mecenate.

Il primo  propone una costituzione democratica per evitare l’accentramento  politico  personalistico e per  scostarsi dalla tirannide; l’altro espone sostanzialmente i privilegi e i benefici della monarchia  dando pratici suggerimenti!

Per Dione, Ottaviano nel 27a. C.,  presentatosi in senato, come in pratica faceva un dictator al termine del suo mandato, si dimette, ma il senato, in considerazione dei meriti dell’eroe, che ha salvato la res pubblica  dalla tirannide di  Antonio e dall’ostilità egizia, non accetta le dimissioni,  ma grazie a Manuzio Planco, che lo saluta come Sebastos Augustus, lo proclama divi Iulii Cesaris filius, di progenie divina!

Quindi, professore, mentre Augusto diventa  il punto fermo di riferimento con Cesare, espressione moderata di monarchia,  per la dinastia dei Severi,  Caligola  resta ancora vittima di una damnatio memoriae non fatta dal suo successore, Claudio suo zio,  ma  ripresa in realtà dalla invidiosa propaganda della casate successive, ancora valida  all’inizio del III secolo d.C.?

Il breve regno di Gaio Cesare  Germanico Caligola doveva essere  exemplum di sovranità (non quello dell’argentarius Ottaviano Augustus), comunque, realmente imitato dagli intellettuali del regime, compreso Dione, che ben conosce l‘imperium del nipote di Antonia minor, ma non può manifestarlo per l’ormai radicato  oltraggio alla memoria del Neos Sebastos Novus Augustus!

Caligola, Marco,  è rimasto bollato come pazzo/insanus  prima dai  contemporanei ostili al suo governo  cioè Seneca e Filone alessandrino, poi  da Svetonio (69 d. C.-122/125)  un funzionario aneddotico, non storico, e da Giuseppe Flavio, un sacerdote  giudaico, traditore del suo popolo e  falso profeta, e da Tacito- le cui lacune testuali sono un enigma!-

Gli scrittori di epoca antonina insistono sul giudizio negativo di Caligola e risultano  equivoci nella loro retorica frontoniana  come quelli severiani che, mirando solo ad un rinnovamento costituzionale, nel clima convulso di guerra civile e di un’anormalità  economico-finanziaria, acuita dal fenomeno della peste, già minata alla base dal militarismo, considerano la soluzione augustea una sintesi combinata di monarchia e res pubblica capace, comunque,  di  preservare libertà individuale e dare un fondamento all’ordine e alla stabili.

Ritengo,  perciò, che  Dione Cassio Cocceiano (163/4 -229/30) -un militare di Nicea di Bitinia,  che fa una straordinaria carriera,  in quanto diventa  senatore, console, proconsole fino a raggiungere l’apice con Alessandro Severo- accettando il mito di Augusto imperator,  inaugura il principato di Settimio Severo, trascurando l’apporto reale  degli altri imperatori della domus giulio-claudia,  che restano  etichettati secondo tradizione, Tiberio un pervertito sessuale, Caligola un pazzo sanguinario,  Claudio un servo delle donne e dei suoi ministri, Nerone un megalomane  istrioneNon si può valutare in modo così superficiale e semplicistico il  potere di una domus, tenuto per 117 anni!

Eppure Dione Cassio conosce  vita, azioni, pensiero  e morte di Caligola  e ne  rileva la novità istituzionale, pur seguendo  il giudizio ormai uniformato di condanna della tradizione,  nonostante i suoi puntuali rilievi sull’ incoronazione a Roma, al suo ingresso in città, il 16 marzo del 37,  e sull’acclamazione popolare  del  Neos sebastos, giovane Augusto, e  sulla congiunzione ideale con Alessandro Magno!

Per Dione  le due operazioni di neoteropoiia e di ektheosis sono frutto del delirio di una mente  pazza, di una creatura  che si fa Dio, secondo la logica ebraica di condanna di tutta la propaganda di stampo alessandrino,  tessuta magnificamente  per l’assimilazione del sovrano con Zeus,  progressiva, dopo la celebrazione di Caligola eroe,  semidio e theos!.

In questo  generale clima di derisione di  Caligola capra, pur celebrato  nuovo Augusto -Alessandro,   lo stesso trionfo sui Germani,  voluto e programmato lontano da Roma   sul ponte costruito  tra Pozzuoli e Bacoli, non induce  Dione ad uno studio della figura  complessa del giovane imperatore  e a cambiare giudizio  sul cavaliere, che porta la corazza di Alessandro e che  cavalca  Incitato-Bucefalo!, Per lui il trionfo è una parodia del passaggio dell’ Ellesponto di Serse,  una pagliacciata  teatrale che finisce con l’ordine di  distruzione del ponte stesso, da parte di chi l’ha costruito solo per una mania personale. Dione non comprende il messaggio di Caligola all’ecumene: a lui Dio niente è impossibile;  solo lui, Theos, sintesi di Poseidoon e Zeus,  poteva attraversarlo, nessun altro! Per lui  e per i suoi contemporanei  Caligola è veramente pazzo!

Neanche viene considerato il tentativo di  regnare  a Roma e di imporre ai romani un regime  dopo la sceneggiata  di comando  di Ottaviano, attore,  e dopo la fuga di Tiberio a Capri!.

Dione non ha interesse  a mostrare  come Caligola abbia invertito la rotta del principato augusteo e abbia instaurato la sovranità assoluta, necessaria ed unitaria per le due partes occidentale ed orientale, dopo l’equivoco istituzionale di Augusto –  un vero compromesso -,  non seguito da Tiberio vir aristocratico claudio,  che ha intenzione di  reale restitutio rei pubblicae.

A Dione non interessa, dopo quasi due secoli di maldicenze su Caligola, fare l’apologia del neos sebastos, giovane augusto, che, regna  davvero su uno impero sterminato!

Dione non rileva la grandezza dei  maestri di tirannia – i turannodidaskaloi  Giulio Erode Agrippa e Antioco di Commagene- coadiuvati da un gruppo di letterati alessandrini, abilissimi nella costituzione di un nuovo sistema politico, su basi religiose,  mediante allegoria, abilitati dalle precedenti esperienze lagidi, erodiane e seleucidi!

Neanche legge  il plauso popolare, l’amore dei militari,  la devozione clientelare di patres e di equites  ormai upotetagmenoi/sudditi e l’universale consenso di tutti i provinciali – che lo adorano,  pregano per la sua salute  quando cade malato  e che  inneggia follemente nelle piazze  per settimane per il  suo ristabilimento fisico, perché garante  di un ritorno di un bios kronicos, di una era saturnia, di un kosmos ordinato e pacifico– !

il modello per Dione Cassio non può essere  Caligola, per il negativo giudizio ebraico  di Filone e di quello del filosofo Seneca, che, comunque, riconoscono  quasi un biennio magico di benessere per l’impero  e di eccezionale fortuna, anche se  deridono poi  l’altro biennio, considerato come imperium di un monstrum/teras,  avvalorato poi dagli intellettuali flavi ed antonini!

Viene scelto  Augusto, un vir  fortunato ma incapace di mediare realmente tra istituzioni repubblicane e principato,  congiunto col militarismo di Cesare, e scartato l’exemplum  di Tiberio, che per natura aristocratica tendeva a alla restitutio rei pubblicae!

Professore, mi sembra di aver capito tutto e la ringrazio. Lei vuole dire  che Caligola,  perenne giovane  e theos , vuole regnare in Roma, in Italia e in tutto il suo impero, già pacificato ed ordinato in modo sovrano, cosciente di essere  l’unico  pastore del  gregge umano, suddito, rifiutando il pensiero aristocratico di  Tiberio che, ritiratosi  a Capri, era risultato solo re di un isolotto, mentre Elios Seiano era di fatto il re dell’universo  e che, anche dopo la sua uccisione, non aveva  ripreso il potere diretto,  ma lo concedeva  a Macrone, altro pretoriano,  anche dopo aver scelto i due eredi imperiali nell’estate del 36, Gaio Cesare Germanico figlio adottivo  e Tiberio Gemello, figlio  naturale!.

Bene, Marco, hai fatto una buona Sintesi. Sei un buon discepolo Ora seguita!

Caligola ,divenuto imperator, è simbolo di  una nuova era saturnia  e quindi regna serenamente,  si esercita  nel potere, essendo delizia del genere umano per sette mesi e, dopo un malattia  grave,  ristabilitosi,  inizia il suo regno assoluto, rifiutando  i tutori Silano e Macrone ed uccidendo il coreggente  temendo una  possibile scissione nell’impero.

Ti  ringrazio Marco. Hai capito la sublimità della  mente di Caligola, anche senza trattare  la  vera pars costruttiva  innovativa creativa, che in altre occasioni, hai dimostrato di conoscere bene. Non so se ti ricordi, però, che Caligola  è padrone degli Horti sallustiani, che sono  suo privato campo  di allenamento  per le gare del circo.

Mi ricordo, professore.

Gli horti sallustiani, ereditati dalla madre Agrippina maior, corrispondono  alla zona – forse un po’ più ampia-  dell’attuale Stato del  Vaticano. Caligola si esercitava  andando a cavallo  con Incitato  o  per allenarsi alle gare  di  quadrighe,   dopo che aveva fatto portare dall’Egitto a Roma l’obelisco-ora a Piazza S. Pietro lì posizionato da Sisto V- che allora era disposto forse dove oggi è l’altare della basilica o  dentro. Faccio una domanda. E’ vero , professore, che l’imperatore   faceva  girare, come fosse una meta, il suo carro , intorno, sotto lo sguardo compiaciuto dei  suoi cortigiani, di senatori ed equites  che lo applaudivano  per la sua abilità.

Marco,  dove lo hai letto? non si sa  esattamente se  to Gaianon/il circo di Gaio , ancora esistente nel terzo secolo,  fosse la zona dl Vaticano! Ti aggiungo, però, che  nel primo anno di regno, quando ancora non c’era l’obelisco- fu portato da Heliopoli nel 40!-assistevano alle sue esibizioni, oltre a Callisto  e Cassio Cherea, anche il suo auriga  Eutiche /fortunato e  Macrone, che soleva rimproverarlo per la sua esuberanza giovanile non solo nel circo, ma anche nei banchetti! .

Sono tutti uomini, rimasti nella storia. Anche Eutiche?

Si. Era un famoso auriga del circo  che,  comunque, gli intentò un processo di fronte Tiberio, che si sentiva astro tramontante davanti a  Caligola  astro sorgente, sostenuto dai suoi amici, suoi fautori, che aspettavano la morte dell’imperatore, che era  malato e si collassava spesso.

E come finì il processo?

Tiberio era riluttante-  e lo confessava ad Antonia, sua cognata e  nonna di Caligola-  ma alla fine pressato, riunì l’assemblea ed emise il suo verdetto  a favore di Eutiche -che aveva denunciato il discorso di Agrippa e di Caligola ambedue  impazienti e  fortemente desiderosi  che l’imperatore morisse, prima possibile, per lasciare il posto al nuovo principe.  L’imperatore fece capire che non era morto e che poteva ancora nuocere e   fece imprigionare Giulio Erode Agrippa, poi, dopo sei mesi   liberato,  a seguito della  morte di Tiberio.

Per fortuna  la  responsabilità delle parole dette se la prese tutta Erode Agrippa! per fortuna allora Caligola era sotto la protezione di Macrone onnipotente!

Ed Eutiche che fine fece?

Caligola lo invitava spesso/assidue nella  stalla di  Incitato  a festeggiare con gli altri tifosi del partito verde (factio prasina cfr Svetonio,LV) ed una volta, durante una di queste gozzoviglie  diede due milioni di sesterzi (vicies sestertium): fu sempre un fedele tifoso! Perfino dopo la sua morte, Eutiche, l’auriga idolatrato dai verdi  è proposto imperatore da  Cherea, che, cercando di convincere i soldati a seguirlo contro Claudio, promette di chiedergli la parola di ordine -Antichità Giudaiche XIX,256-!

Dunque  professore per chiudere il discorso su Incitato, la frase denigratoria, riportata da Dione Cassio è  ricalcata su quella di  Svetonio, sua unica fonte?

Penso di si, Marco. A te  leggere il testo di Dione  -St. Rom: CLIX, 14,7.:  Caligola invitava addirittura Incitato a pranzo, gli offriva chicchi di orzo dorato e brindava alla sua salute in coppe d’oro; giurava inoltre in nome della salvezza e della sorte di quello ed aveva anche promesso che lo avrebbe designato console cosa che avrebbe sicuramente fatto, se fosse vissuto più a lungo/kai  epi deipnon ekalei , khrousas  te autoooi  kritas pareballe,, kai oinon  en khrousois ekpoomasi proupine,  the te soothrìan  autoukai thn tukheen oomnue, hai prosupiskhneito kai upaton autòn apodeicseicsein ,kai pantoos  an kai  tout’eppoihkei, ei pleioo khronon ezhkei.

Leggo, professore, che Caligola  invita a pranzo -insieme ai patres?!- Incitato e gli dà chicchi d’orzo selezionato , andando nella scuderia/stalla – riservata al suo prestigioso cavallo, di valore incalcolabile -non nella sua reggia, termine sotteso, che comunque, deve far pensare alla pazzia, considerato l’invito ad un cavallo, come commensale!- E’ un equivoco  terminologico voluto specie per il brindisi in coppe d’oro ( come se un tifoso, rimanendo  a cena nelle stalle con gli amici, desse coppe d’oro anche ad Incitato!)  L’aggiunta del fare un giuramento òrkon omòsai per la salute  e per il destino, è un augurio /omen  consueto come la promessa di farlo console, che risulta una esagerazione possibile in un un clima di festa, per una vittoria  di Incitato, festeggiata con altri tifosi.

E’ chiaro per me, professore, che Dione non accettando l‘exemplum di Caligola  principe, ormai noto come pazzo,  per Settimio Severo e la sua stirpe offre il modello di Augusto, invece, alonato dalla tradizione, specie se unito a Giulio Cesare  come  prototipo di  una perfetta monarchia!

Bravissimo, Marco. Neanche io avrei  potuto leggere così bene e chiudere meglio il discorso su cavallo e cavaliere!