Filone e Gregorio VII

Ebraismo e cristianesimo

Filone e Gregorio VII
Filone in  Vita di Mosé, dopo aver definito il ruolo del re legge vivente e  la funzione della  legge,  mostra come l’auctoritas  sacerdotale  sia superiore alla potestas  regia.
Il filosofo ebraico, in quanto uomo di stirpe sacerdotale, usa  termini greci impropriamente, non giuridicamente, (exousia,dynamis)  senza il tecnicismo legalistico romano, anche se dissente dalla cultura romano-ellenistica su cui è conformata la regalità giudaica dal periodo asmoneo fino alla nuova monarchia filoromana di Erode il grande e dei suoi figli.

Non si serve, dunque, di auctoritas, termine latino collegato con augustus /sebastos, il cui significato indica un aumento di potere in un potente che ha dunamis, data la venerabilità  dovuta a threscheia, una serie di  riti compiuti con devozione (sebeia) e neanche usa  potestas, il cui valore lessicale rimanda all’area semantica di kuros e di dunatos per indicare persona  prestante fisicamente  e capace di affermarsi su altri per doti naturali.
Anche ad Alessandria il sacerdozio oniade, di norma  anche alabarca, carica fiscale ma anche sacerdotale, aspira alla congiunzione col potere dell’etnarca, a fondere sacerdotium/ieroosùnh  e il potere temporale.
Insomma Filone ha modelli storici sincretici, sia in Palestina che in Alessandria, ma ha potuto constatare di persona il lungo e travagliato cammino di divisione intrapreso dai farisei e poi portato avanti dagli esseni , che, aspirano in nome del messianismo, alla superiorità  della sfera spirituale.
A lungo farisei ed esseni si opposero all’unificazione voluta dagli asmonei  della regalità con il sacerdozio: la  basileia  doveva essere distinta dall’ieroosùnh .
Infatti  sulla base  della venuta del messia occorre la separazione del sacerdozio e quindi c’è il dovere della libertà  spirituale dallo stesso potere diabolico romano, che è la base dei poteri illegittimi locali  dei reguli, che derivano la potestas dall’imperator/autocrator.
Ora Filone  e l’ebraismo si trovano al centro della lotta contro il potere centrale romano e le potestates/ arcontati  convinti  di essere parte eletta, cleronomos, figli di Dio,  assaliti da Belial, il diavolo, il maligno.
La luce e le tenebre  coprono metaforicamente l’azione  divina e quella diabolica.
Con Caligola esplode il mondo del male  con la  forza  militare e  con la  superiore organizzazione  politica imperiale  e con la propaganda culturale ellenistica che   s’irradia in  ogni parte del mondo ed ha velleità universalistiche, data l’intenzione di conquista del Regno partho,  di un ulteriore ampliamento della  civiltà romano-ellenistica.
Per  secoli il giudaismo nelle sue due anime aramaica ed ellenistica  o subisce  la violenza della tirannia  imperiale satanica  e   si dibatte in  una guerra  contrassegnata da continue sconfitte, culminanti prima con la distruzione  del Tempio e poi  con la fine di Gerusalemme e con la costruzione di Elia Capitolina   o si adatta in un ridimensionamento finanziario–economico e comunitario, in una diaspora acefala, in una riduzione dei politeumata  in ecclesiai  senza più la ricchezza commerciale oniade.
E’ un duro colpo  che costringe il giudaismo a chiusure rispetto alla cultura greca, dominante, seppure in crisi di recessione specie alla fine del secondo secolo e per tutto il terzo secolo…
Proprio all’ inizio del  quarto secolo, dopo una cruenta persecuzione si afferma una propaggine del giudaismo ellenistico, il cristianesimo, sopravvissuto in modo acefalo,  anche se distinto in tante forme ereticali, disseminato specie in Africa, in Asia Minore, in Siria,  con qualche penetrazione, ben circoscritta nella penisola ispanica e gallica ed anche in quella italica.
La basileia tou theou, strettamente connessa, dapprima, col pensiero spirituale ebraico,  divisasi,  poi, dal ceppo ebraico e indisturbata, nonostante  le sfuriate popolari locali in zone anatoliche e siriache,  dopo  le persecuzioni del terzo secolo e  di quella dioclezianea, a causa dell’ inaffidabile reclutamento militare dei cristiani, (di norma renitenti alla leva) -che si considerano cittadini di un altro Regno  in quanto desiderosi di entrarvi col martirio il più presto possibile-, accetta la propaganda del Cesare occidentale  e risulta vincitrice con Costantino  contro Licinio, difensore della tradizione pagana, a Crisopoli, nel 324 d.C.
La nike imperiale è frutto del valore cristiano e della finanza delle ecclesiai e dei loro oculati dioichetai ed epitropoi, che per decenni non  avevano pagato il dovuto al fisco imperiale …
Costituitasi la basileia costantiniana, basata sui dodici apostoloi e sul tredicesimo vescovo-imperatore Cfr Amici cristiani, perché diciamo  Credo? E Book Narcissus 2014) che a Nicea  riunifica le varie anime scismatiche  e sancisce anche l’unità ecclesiale seppure lacerata al suo interno dalla divisione sottesa con l’arianesimo, dopo oltre un cinquantennio di lotte, con i  discendenti costantiniani, il cristianesimo diventa unitario e cattolico, universale, religio trumphans con Teodosio.
La supremazia cristiana affermatasi con Onorio e i suoi figli in Occidente e con Arcadio e la sua discendenza in Oriente, nonostante la nuova divisione dell’imperium romano in due partes, si esplica in una  persecuzione contro  ebrei  e pagani, come trionfo del Christos, in una spietata difesa della libertà ecclesiale, in una rivendicazione della superiorità  dello spirito rispetto al corpo e quindi in una  ricerca della propria autonomia contro il prepotere  imperiale orientale …
In Occidente  nell’XI secolo, sotto il pontificato di papi riformatori  e poi  specificamente sotto il pontificato di Gregorio VII (1073-1085) si determina il dictatus papae che con le lettere ad Ermanno di Metz ,  sancisce il principio della teocrazia…
Infatti tra le formulazioni  del dictatus papae  (Quod solus romanus pontifex iure dicatur unversalis; quod solus possit uti imperialibus insignis. quod solus papae pedes omnes principes deosculentur; quod  hoc unicum est nomen in mundo, quod   a nemine ipse iudicari debeat, quod romnaus pontifex si canonice ordinatus  meritis beati Petri indubitabiter efficitur sanctus, testante sancto Ennodio papiensi episcopo et multis sanctis patribus faventibus , sicut in decretis  beati Symmaci papae continetur). non risulta  esistere un reale valore probante giuridico.
La testimonianza di Ennodio vescovo di Pavia e  i decreti di papa Simmaco non hanno  valore legittimo: il favore dei padri della chiesa non  è  norma giuridica, ma solo un’attestazione tradizionale  generica.
Le affermazioni, poi, fatte nella prima e nella seconda lettera al vescovo di Metz  sono ripetizioni di quanto affermato precedentemente: chiaramente Gregorio, uomo di  curia, vuole creare una base per dimostrare che la libertà  della chiesa è in relazione alla superiorità rispetto agli altri vescovati  e perfino all’impero in una ripresa del pensiero ebraico ( non per nulla ha del sangue ebraico, dalla linea materna, quello dei Pierleoni)…
Inoltre nel dictatus si ribadisce che la Chiesa romana è fondata dal solo Signore  e perciò essa non errò mai né  prima né in seguito  errerà secondo quanto attestato dalla scrittura (quod romana ecclesia nunquam erravit, nec in perpetuum, scriptura attestante, errabit).
La formulazione  poi che chi non concorda con la romana chiesa non può essere stimato Catholicus sottende che il papato è la chiesa cattolica  e che la chiesa, in quanto corpo mistico di Cristo,  è sposa di Cristo ed è madre  di ogni fedele.
E’ chiaro che per ecclesia si intende  la chiesa romana, il seggio apostolico  e la gerarchia ecclesiastica  e i fedeli …e che dunque  l’adesione alla comunità della chiesa comporta un credere nella Chiesa romana ed apostolica, nella sua infallibilità di magistero,   fondata direttamente da Dio,  a differenza delle altre sedi episcopali,  e sottende il dovere di combattere per la libertà della città di Roma e del mondo cattolico e degli interessi di S. Pietro.
Che valore immenso ha la figura di S. PIetro!

Con la bandiera di Pietro , grazie alle due chiavi petrine, Gregorio  fa il bando della guerra santa, benedice i conflitti  e concede le indulgenze  e la remissione dei peccati  e delle pene ai militari.

Gregorio è un Pietro con la spada che cavalcava  riccamente bardato ed  andava fiero  in battaglia, deciso ad uccidere seguendo il detto di Mosè ( Filone, Vita di Mosé, II, 104 …Ciascuno di voi, presa una spada , uccida quelli che hanno compiuto opere degne di mille morti..uccideteli, dunque, anche se parenti ed amici: sia amicizia e parentela solo la santità dei buoni! ) o  quello di Geremia: Maledetto chi trattiene la spada dal sangue

Al papa interessa solo l’obbedienza di Bisanzio  e quindi la conquista di Gerusalemme  per poter risolvere lo scisma d’Oriente…
Le formulazioni del dictatus,  perciò, sono  spia di un programma di liberazione  della sede apostolica romana dai laici,  dalle casate nobiliari romane,  che brigano per l’elezione papale,  e specie  dalla supremazia dell’imperatore, seppure già contenuta entro i termini di una paritarietà...
Infatti già dalla metà dell’XI secolo, anche se si seguitava a pregare  sia per il papa che per l’imperatore, frater sacedotis, viene minato il potere imperiale che viene considerato di origine diabolica
Ora dunque,  anche se nelle preghiere del canone della messa sono uniti i nomina del papa e dell’imperatore, si è rotta la concezione cristiana del sacro romano impero carolingio  e quella stessa del sacro romano impero germanico che avevano  idealmente ripreso il pensiero costantiniano.
Col dictatus  l’imperatore non essendo più fratello del sacerdote  può perfino essere deposto dal papa  che può sciogliere dal giuramento di fedeltà i vassalli  soggetti.
Secondo la ideologia eccesiastica il potere imperiale  in quanto è carnalis e quindi corporalis risente dell‘humanitas  gravata del peccato originale e presenta i vizi connaturati  ed è soggetto alle passionalità,  superbia, avarizia, immoderazione, ingiustizia.

Infatti se l’imperatore, ben guidato dal sacerdote,  rimane nella retta via risulta un rex iustus  e quindi è degno di potestas  che gli viene conferita dall‘auctoritas papale  che è legittimata direttamente da Dio, grazie ai meriti di S. Pietro; se invece il re disobbediente al papato, e in preda alla superbia , subisce l’influenza diabolica, come ogni altro uomo, diventa rex iniustus e tyrannus e quindi è pericoloso per il kosmos/ordo universale  e  perciò il papa può deporlo per il bene dell’uomo…
Gregorio VII arriva alle stesse conclusioni farisaiche ed esseniche: ogni potere, essendo divino, può essere  autorizzato  da Dio che,  tramite il sacerdozio, può anche deporre con una condanna  chi risulta indegno, a causa della superbia tirannica, dell’onore avuto: Saul deposto e  David eletto al suo posto diventano paradigmi del rex iniustus e del rex iustus  e Samuele è  il sacerdos legittimato a compiere l’unzione  che appare il perfetto esempio del Pontefice romano  che ha le due chiavi
Così ragiona Bernardo nel 1130 nella vicenda dello scisma  di Anacleto II Pierleoni che, favorito da Ruggero II,  creato re di Sicilia grazie al papa,  è di ostacolo ad Innocenzo II, per lui legittimo pontefice, riconosciuto anche  dall’imperatore Lotario di Supplinburgo…
Nel suo epistolario per sette anni maledice e condanna l’azione superba, diabolica,   tyrannica di Ruggero che, poi improvvisamente dopo la morte di Anacleto nel 1137 e la fine di Lotario, risulta uomo perfetto, nonostante i vizi morali, perché rex iustus in quanto  ora obbediente al papa e favorevole al suo ordine, tanto da permettere l’insediamento di  due monasteri  cistercensi nel suo regno…
Bernardo ora fa una celebrazione del regnum di Ruggero, difensore della fede, signore capace di creare un paradiso sulla terra, divenuto, improvvisamente, da pessimo, il migliore uomo vivente…